Le scale e gli accordi – Fondamenti di armonia

FavoriteLoadingAggiungi alla libreria

Titolo: Le scale e gli accordi – Fondamenti di armonia
Autore: Paolo Guiducci (413 download)
Formato: PDF
Pagine: 114

Download PDF (3030 download)

Questo libro è una introduzione, di stampo prettamente tecnico, sui fondamenti dell’armonia tonale. Il testo si suddivide in due parti principali: la prima è teorica ed analizza il materiale armonico musicale, ovvero le note, le scale e gli accordi; nella seconda parte la teoria viene applicata sulla chitarra con studi e diteggiature. Troppo spesso i metodi musicali sono carenti, imprecisi, ingiustificatamente complessi, talvolta addirittura inesatti nello spiegare i perché e le ragioni che stanno alla base dell’evoluzione musicale. Da quì è nata l’idea di scrivere questo libro, un desiderio di riordinare tutta una serie di appunti presi nel corso della mia esperienza, principalmente autodidatta, di musicista ed insegnante. Nel caso della musica l’evoluzione è legata principalmente all’uomo ed alla sua cultura, ma è altrettanto vero che molte regole sono di fatto legate ad alcune caratteristiche fisiche del suono. In certi casi perciò le risposte chiare si trovano più nei libri di fisica più che in quelli di armonia. La mia opinione è che una corretta conoscenza dei fondamenti della tonalità sia utilissima per capire il senso ed il perché delle cose. Ad esempio quando si impara la scala maggiore è naturale chiedersi il perché di quelle note, che senso hanno. Oppure in base a quale criterio gli intervalli vengono chiamati consonanti o dissonanti. Oppure ancora perché gli accordi si costruiscono per intervalli di terza. E via si seguito. Questi sono solo alcuni degli interrogativi che non possono trovare risposta semplicemente nel fatto che “ad orecchio suonano bene”. Occorre considerare che la maggior parte delle innovazioni musicali all’inizio “suonano male” alla maggior parte delle persone. In questo manuale le metodologie e le regole vengono spiegate e giustificate, in alcuni casi ricorrendo anche alla natura fisica del suono. Molte di queste spiegazioni sono riportate nella sezione 3.4: “I fondamenti dell’armonia tonale”. Una importante caratteristica del libro riguarda gli esempi musicali su pentagramma. Nella maggior parte dei casi questi esempi sono accompagnati da una tabella o figura che ne analizza il contenuto. Questo da un lato rende il teso alla portata di tutti, dall’altro viene privilegiata una rappresentazione grafica del materiale musicale. Spesso infatti una rappresentazione grafica può esprimere i concetti in modo più efficace rispetto ad una rappresentazione su pentagramma, la quale non restituisce una informazione quantitativa precisa. È bene infatti considerare la notazione musicale per quello che è, ovvero una convenzione per scrivere e leggere la musica basata sulla scala di Do maggiore. Inoltre su uno strumento schematizzabile come la chitarra ritengo che questo sia l’approccio più indicato. Altro punto importante a cui mi sono attenuto il più possibile è l’organizzazione e la semplificazione degli argomenti. Per quanto riguarda le scale ad esempio, l’argomento viene spesso trattato in modo confuso o ridondante. Mi riferisco alla moltitudine di scale che vengono elencate nei metodi musicali senza raggruppare quelle che hanno la medesima radice. Questo concetto è basilare se si pensa che le scale appartenenti allo stesso gruppo hanno sulla chitarra la stessa diteggiatura. Per quanto riguarda gli accordi il discorso è molto simile. Ho riportato innanzi tutto il metodo con cui essi vengono costruiti e denominati. Per quanto riguarda le diteggiature ho suddiviso quelle trasportabili da quelle non trasportabili. Quelle trasportabili, anche se possono essere utilizzate con qualsiasi fondamentale, è sufficiente riportarle una sola volta. Questo per evitare la ridondanza delle informazioni e la possibile confusione. Il testo non va letto necessariamente nello stesso ordine della trattazione. In caso il lettore abbia già qualche rudimento sulla materia può passare a piacimento da un capitolo all’altro seguendo i riferimenti riportati nel testo. Molti degli argomenti trattati sono infatti approfonditi nella sezione relativa ai fondamenti dell’armonia tonale e viceversa. In definitiva il libro non è un vero e proprio trattato di armonia, anche se di essa contiene molti elementi. È piuttosto un manuale, ricco di preziose tabelle e schemi, con lo scopo di dare una

VN:F [1.9.18_1163]
Giudizio: 6.3/10 (8 voti)
VN:F [1.9.18_1163]
Link funzionante? -3 (basato su 5 voti)
Le scale e gli accordi - Fondamenti di armonia, 6.3 out of 10 based on 8 ratings